Glossario

  • I componenti di un gruppo elettrogeno sono:

  • Interruttore differenziale;

  • Controllore permanente d'isolamento;

  • Quadro di intervento automatico;

  • Comando a distanza;

  • Tensioni o frequenze diverse;

  • Scaldiglia per l'olio motore;

  • Contatore di energia;

  • Dispositivi per il rabbocco automatico di carburante.

L'interruttore differenziale assicura la protezione contro i contatti accidentali con parti in tensione, interrompendo automaticamente l'erogazione di energia. L'interruttore differenziale viene montato effettuando il collegamento elettrico del neutro alla massa ( normalmente il telaio del generatore) che a sua volta viene collegato a terra mediante l'apposito contatto.

Pertanto l'interruttore differenziale è normalmente usato su gruppi con installazione fissa.

Il controllore permanente d'isolamento assicura la protezione contro i contatti accidentali con parti in tensione, interrompendo automaticamente l'erogazione di energia. Il collegamento elettrico viene eseguito con il sistema IT, cioè il punto a potenziale elettrico uguale (neutro) viene isolato da terra, evitando la chiusura del circuito, senza aver bisogno di collegamento a terra.

E' utile in zone umide, o quando non è possibile effettuare una buona messa a terra.

Il quadro di intervento automatico o centralina provvede ad attivare automaticamente il gruppo elettrogeno ( a patto che sia ad avviamento elettrico) all'interruzione dell'energia fornita dalla rete. Il quadro protegge il gruppo da eventuali anomalie di funzionamento.

E' possibile collegare ai relè del quadro anche dispositivi che possono gestire l'avviamento e lo spegnimento del generatore in base al verificarsi di determinate circostanze.

Il comando a distanza è un comando con cavo che permette di accendere e spegnere il motore anche da una distanza di alcuni metri.

Tensioni ( 110 - 48 Volt) o frequenze diverse ( 60Hz) possono essere richieste al momento dell'acquisto del generatore.

La scandiglia è utile per far sì che, in climi freddi, la temperatura dell'olio sia sempre tale da garantire in un generatore ad intervento automatico, il rapido raggiungimento delle condizioni ideali di esercizio.

Il contatore di energia è il classico contatore, omologato UTIF, per il conteggio dei kwatt.

I dispositivi per il rabbocco automatico del carburante sono utilizzati nei generatori posti in località isolate, per evitare che rimangano a secco dopo un uso prolungato.

Attingendo da una cisterna esterna rabboccano automaticamente il carburante nel serbatoio del generatore.