Torri di Illuminazione, Torre Faro

La torre di illuminazione è composta da un palo telescopico in lega di alluminio ad azionamento pneumatico su cui è montato un gruppo fari.

Lo sfiatamento della colonna è determinato da un compressore con potenza di 1,1 kW ( 1,5 CV ). con serbatoio da 6 litri in acciaio, mediante un quadro di comando pneumatico con manometro di pressione, valvola di sicurezza e leva di azionamento ( salita, blocco, discesa ); la discesa avviene per gravità.

La rotazione della colonna, per orientare i fari in una direzione, avviene manualmente, agendo direttamente sulla colonna.

La regolazione in inclinazione dei fari avviene manualmente, prima di sfilare la colonna, consentendo d'illuminare a terra ( fari in posizione orizzontale o di riposo ), in direzione parallela al terreno ( fari disposti verticalmente ) o con una serie d'inclinazioni intermedie.

I proioettori sono 4, due dei quali agli ioduri metallici da 400 W, che garantiscono un fascio luminoso di colore bianco ed un'alta efficienza; per compensare i tempi di accensione non istantanei di questi proiettori, ci sono altri due proiettori alogeni da 1000W che, pur con un efficenza inferiore, rispondono immediatamente al comando di accensione.

La colonna totalmente sfilata raggiunge i 7 metri da terra e resiste a raffiche di vento superiori a 70 km/h.

Il sistema di ribaltamento del palo avviene tramite un attuatore lineare, comandato dal quadro di comando e controllo; nel caso di panne dell'attuatore è sufficiente sganciare l'attacco inferiore dello stesso e ribaltare il palo manualmente, in quanto il sostegno del palo è perfettamente bilanciato rispetto al proprio asse.

Una serie di sensori evitano manovre errate, come lo sfilamento della colonna senza il blocco meccanico della stessa o il ribaltamento del palo prima che esso sia completamente ritratto.

Esempio di una Torre di Illuminazione o Torre Faro